Avviso: Non hai ricevuto il tracciamento via mail? Se è già disponibile, lo troverai nel dettaglio dell'ordine.  

18 000
clienti soddisfatti
Sconto 0%

Il tuo carrello è vuoto

Aggiungi un prodotto.

Se hai bisogno di aiuto, contattaci.

Benvenuto FAQ Blog Contatti Stato dell'ordine
Benvenuto Blog Tu hai permesso di sorprendermi

Tu hai permesso di sorprendermi

12.09.2022

"Sesso solo con consenso esplicito e preferibilmente scritto. Bilaterale. Che notizia, non possono fare sul serio", Peter scosse la testa. I ragazzi al tavolo annuirono con un cenno di assenso.
 
"Il mondo sta diventando una me…", sospirò Martin, "niente è più come prima. Ora si ha quasi paura di toccare una ragazza".
 
"Beh, è un po' esagerato", ammisi, "ma protegge anche voi ragazzi".
 
"Come può proteggere gli uomini? " Peter ridacchiò, "un uomo può essere violentato?".
 
"Certo che può essere violentato. E questo argomento non fa ridere". Insistei.
 
"Immagina, ad esempio, se una donna irrompe nella tua stanza di notte mentre stai dormendo e inizia a masturbarti o farti un pompino. Tecnicamente, non le hai dato il consenso, quindi sarebbe uno stupro de facto".
 
"Se fosse bella come te..." iniziò Peter, e i ragazzi lo ricompensarono con una risata rumorosa, "allora di certo non la denuncerei. È il sogno di ogni ragazzo normale essere svegliato da un bel pompino".
 
"Beh, magari", cercai di frenarlo, "preferirei avere il permesso in anticipo. Non si sa mai".
 
Peter prese un tovagliolo, tirò dalla tasca della giacca una matita e iniziò a scarabocchiare qualcosa. Poi piegò il tovagliolo e me lo mise in mano.
 
"Cosa le hai dato?" chiese Martin.
 
"Lista della spesa, scemo", gli disse Peter dandogli una gomitata sotto le costole, "alzati, il fiume non aspetta".

La giornata in acqua passò come... come l'acqua. La sera ci ritrovammo alla base, cenammo, giocammo a carte e uno alla volta, con l'aumento dei livelli di alcol nel sangue, tornammo nelle nostre stanze.

Mi addormentai come se mi avessero gettato in acqua. Il mattino seguente ci incontrammo tutti presto per la colazione, solo Peter mancava.

Disse che gli faceva male la schiena per aver tirato la barca ieri e che oggi sicuramente avrebbe tralasciato. O almeno è quello che aveva detto a Mark. A me toccava fare la spesa e cucinare quindi rimasi alla base mentre gli altri percorrevano un altro tratto del fiume.

Inoltre, avevo un altro piano. Frugai in tasca, tirai fuori un tovagliolo piegato e rilessi le parole che avevo già letto diverse volte:

"Tu puoi venire quando vuoi, Cristi...".

Sorrisi. Burlone
 
Vado a vedere se sta bene. Vado di sopra. Tre, quattro, eccoci qua. Nessuna risposta alla bussata silenziosa. Spingo la maniglia. La porta si apre.

Vedo Peter attraverso la fessura. È sdraiato sul letto con gli occhi chiusi e il movimento sotto le palpebre mi dice che sta sognando. Proprio in questo momento.

Do una piccola spinta alla porta e trattengo il respiro per qualche secondo. È coperto solo da una sottile coperta, e la sua virilità si vede chiaramente sotto di essa. Anche sotto la coperta si vede che è ben dotato.

Mi infilo nella stanza e chiudo silenziosamente la porta dietro di me. Qualche passo e sono accanto al suo letto. Facendo attenzione a non svegliarlo subito, mi siedo e sollevo la coperta.
Tu hai permesso di sorprendermi
Abbasso lentamente la testa e do un tenero bacio al suo amichetto. Peter non si muove. Con la punta della lingua e con le labbra, inizio a esplorarlo lentamente.

Lo risucchio leggermente in bocca, lo tengo con la mano e inizio un pompino lento e delicato mentre con l'altra mano accarezzo i gioielli sottostanti. Lui reagisce subito e si indurisce ancora di più.

I miei capezzoli reagiscono con la stessa intensità e nel mio basso ventre inizia a diffondersi il calore. Sento la mano di Peter sui miei capelli. Non parla, gli occhi sono ancora chiusi, solo il respiro accelera.

Inizia a spingere delicatamente nella mia bocca. Si offre a me e io accetto avidamente. Ha un profumo e un sapore così buoni. E io adoro fare un pompino.

È da parecchio tempo che desidero Peter. Giro la lingua intorno alla corona, la lascio e poi succhio di nuovo, la mia lingua accarezza il frenulo e lo percorre delicatamente, esplorando la sua elasticità. Ancora e ancora.

La sua pelle è così morbida. Alterno presa e pressione, mentre gioco. Alzo gli occhi. Mi guarda senza parole, con un'espressione incredula.

Ho una voglia tremenda di lui e quasi non riesco a deglutire la saliva. Peter inizia a gemere dolcemente. Sto aumentando il vuoto. Chiudo gli occhi e lo prendo più a fondo.

La mia bocca è piena. Sempre di più. La punta del glande inizia a toccare il palato molle. Dentro e fuori con precisione da orologio, sempre con un leggero vuoto e la mia lingua che la accarezza e vibra da sotto.

Mi aiuto con la mano e alla radice, spingendo delicatamente ad ogni risucchio. Le sue gambe iniziano a tremare. Sono così eccitata e bagnata ma il suo bavaglio non mi permette di gemere e mugolare e riesco solo ad emettere un profondo suono gutturale che aumenta le vibrazioni.

Il suo cazzo diventa ancora più duro e inizia a contorcersi. Il glande è come una pietra. Respira forte e velocemente. Non ce la fa, piega la testa all'indietro e lancia un gemito. Viene nello stesso secondo.

Il succo caldo e profumato mi ricopre la lingua e il palato. Ingoio ogni dose delicatamente salata separatamente, come se stessi morendo di sete. Lascio il suo vulcano libero nella mia bocca per non provocare dolore al suo glande ormai estremamente sensibile.

Dopo l'ultima dose, risucchio molto delicatamente il resto. Poi lo tiro fuori e gli do un bacio leggero, sfiorandolo appena. Alzo lo sguardo. Le pupille di Peter sono dilatate e continua a respirare velocemente.

Il cuore gli batte così forte che quasi gli esce dal petto. Prendo l'intero uccello con entrambe le mani e lo premo delicatamente sulla mia guancia. Un bellissimo animale appena addomesticato.

Poi mi alzo lentamente e mi godo la vista del suo proprietario.
 
"Buongiorno", mi mordo le labbra per non ridere troppo. " Scusami se volevi dormire un po' più a lungo. E mi dispiace se ti ho rovinato un bel sogno", gli faccio l'occhiolino.
 
"Intendi il sogno di essere svegliato da un pompino?". Mi fa anche l'occhiolino.
 
"I sogni devono essere realizzati", rispondo ridacchiando.
 
"Hai assolutamente ragione. Le persone si complicano inutilmente la vita per realizzare i propri sogni. Eppure, a volte basta così poco".
 
"Come dimenticare di girare la chiave nella serratura?".
 
Socchiuse gli occhi e gli angoli della sua bocca cominciarono a contrarsi: "Magari non girando la chiave nella serratura apposta".


Autore: Marina Deluca

Blog

Incompatibilità di dimensioni con il partner

24.05.2022

Pene piccolo e vagina grande? Vagina poco profonda e pene troppo grande?

L'intero articolo

Sì, mia padrona.

31.01.2022

...sentì un leggero formicolio e poi un’ondata di calore.
“Pronto?”
“Sì, padrona”

L'intero articolo

La dea di Blowjob

29.09.2021

Era impossibile non notare quelle dita che danzavano nervosamente sullo stelo del bicchiere di vino."Qualcosa ti preoccupa?", chiese gentilmente. . .

L'intero articolo

Hai bisogno di aiuto?

Contattaci. Siamo pronti a rispondere a qualsiasi domanda riguardante i nostri prodotti.

Invia

Noi e i nostri partner abbiamo bisogno del tuo consenso all'uso dei cookie per analizzare e valutare il traffico sul nostro sito, e per poter personalizzare gli annunci. Fai clic su "OK" per dare il tuo consenso.

Rifiutare facoltativi Impostazioni OK