18 000
clienti soddisfatti
Sconto 0%

Il tuo carrello è vuoto

Aggiungi un prodotto.

Se hai bisogno di aiuto, contattaci.

Benvenuto FAQ Blog Contatti Stato dell'ordine
Benvenuto Blog Giorni di miracoli e desideri

Giorni di miracoli e desideri

11.12.2023

Quanto odio i canti di Natale e le decorazioni onnipresenti in città! Non è sempre stato così, fino a quest'anno. Mi ricordano dolorosamente che, mentre gli altri si godono l'Avvento e non vedono l'ora di stare intorno all'albero con le loro famiglie tra un paio di giorni, io sarò di nuovo solo.

La mia ultima relazione finì più di un anno fa e da allora non ho trovato una sola donna che mi interessasse tanto da farmi desiderare di svegliarmi accanto a lei. Andare a letto con qualcuno solo per il gusto di farlo è fantastico, ma in qualche modo ora sono caduto in depressione. Forse sto invecchiando o qualcosa del genere.

Sono seduto in un bar vicino a un grande centro commerciale, guardo alternativamente la folla intorno a me e il mio cellulare, sorseggio un caffè e mi sento più solo di quanto lo sarei se fossi seduto a casa davanti alla TV in questo momento. Il tocco di qualcuno sulla mia spalla mi distoglie dai miei pensieri. Sobbalzo.

"Mi dispiace, non volevo spaventarti. Ma non mi hai sentito parlarti. Ciao". Un sorriso di scuse, con labbra ben tagliate e incorniciate di capelli castani lunghi, occhi azzurri brillanti con ventagli di rughe da risata incipienti. Tanja. Qualche anno fa lavoravamo a stretto contatto nella stessa azienda, solo che ognuno di noi lavorava in un reparto diverso.

Una donna non solo bella, ma anche intelligente, divertente e incredibilmente sexy. La chimica tra noi era incredibile, ma purtroppo lei era sposata e io non avevo alternative. Poi un giorno lei si trasferì con il marito dall'altra parte del paese e me rimase solo come ispirazione per i momenti sotto la doccia. Cosa ci fa qui?

"Ciao Tanja, cosa ci fai qui? Vieni, siediti se hai un momento", lanciai.

Lei sorrise e alzò le spalle: "Grazie, volentieri. Ultimamente sono completamente esausta e un buon caffè mi farebbe bene. E magari qualcosa di più forte".

Ordinai due espressi e le feci un cenno: "Bevi ancora Plantation?".

"Ti ricordi", disse ridendo, "non posso rifiutare un buon rum in buona compagnia".

Poco dopo stavamo chiacchierando come se non fossero passati alcuni anni dalla nostra ultima serata di rum, ma solo pochi giorni. Il suo matrimonio fallì e lei è tornata nella sua città natale. Di recente ha iniziato un nuovo lavoro, ha affittato un appartamento e passa le serate a fare ogni genere di commissioni, cercando, a suo dire, di ritrovare l'equilibrio perduto.

Me lo annunciò mentre beveva il suo secondo shot, con un sorriso così malizioso da dietro il bicchiere che scoppiammo entrambi a ridere. Questo è esattamente ciò che mi mancava da anni. Avevo voglia di abbracciarla, così allungai almeno la mano verso la sua e la accarezzai. Lei non si tirò indietro, anzi la prese nella sua e la strinse. La chimica c'era ancora.

Al terzo shot il cameriere portò il conto. L'orario di chiusura era inesorabile, ma io non volevo lasciarla. Anche se si trattasse solo di chiacchierare con lei per una notte. Anche se dovessi passare una sola ora a chiacchierare con lei!

"Non dovrebbe esserci un orario di chiusura", brontolò, "Devi alzarti la mattina? Perché io no, e decisamente non ho voglia di dormire adesso".

"Allora abbiamo due possibilità: o proseguiamo verso qualche bar, oppure cercherò, in modo del tutto spudorato, di allettarti al Dictador che ho a casa".

"Dictador, eh? Ora mi è venuto in mente un gioco di parole incredibilmente adolescenziale. Hai vinto tu. Andiamo". In quello stesso secondo capii non solo quale gioco di parole fosse, ma anche che nessuno di noi due avrebbe dormito stanotte.

Capii che voleva e aveva bisogno di una doccia e approfittai subito di quei pochi minuti per accendere quante più candele possibili in salotto. Adoro la luce calda e l'atmosfera romantica. Portai la bottiglia, una caraffa d'acqua e le passai davanti mentre usciva dal bagno avvolta solo in un asciugamano. Non rimasi lì dentro più del necessario, infilandomi un paio di pantaloni da casa e una maglietta.

Subito dopo aver bevuto il primo sorso, mi baciò. Mi assicurai di non essermi sbagliato quando avevo notato quel luccichio nei suoi occhi durante la nostra conversazione al bar. La tirai vicino e cominciammo a baciarci. Il suo asciugamano scivolò lentamente giù. Era nuda davanti a me, con i capezzoli dei seni rotondi che spuntavano sopra il ventre lussuosamente piatto. Mi diventò così duro che per poco non mi bucava i pantaloni. Sorrise con piacere, fece scivolare le dita sul mio petto e lo prese in mano. Poi mi prese delicatamente le palle nel palmo della mano.

"Lo desidero da quando hai riso così tanto del mio equilibrio. E ora ho la scusa migliore per perdere l'equilibrio. Ma voglio che tu sappia che farei quello che sto per fare anche se fossi completamente sobria. Solo che adesso ho anche la voglia di cantarti Din Don Dan". Ridemmo entrambi. Di nuovo. Quella ragazza era incredibile.

Mi baciò ancora, poi mi guardò negli occhi, sorrise e lentamente, molto lentamente, si accovacciò. Senza perdere il contatto visivo, mi abbassò i pantaloni e lo prese in bocca. Se quest'anno avevo perso la fiducia nei miracoli e nei desideri, ora era riapparsa. E in piena forza.

Tanja sa farlo. E le piace. Feci passare le dita tra i suoi capelli e la tirai su di me. La distesi con cura sul divano, le aprii delicatamente le gambe e la assaggiai. Il mio cazzo diventò ancora più duro, probabilmente per darmi il segnale che voleva questa femmina e subito. Mi piace così tanto la leccata che potrei annegarci dentro. Solo che Tanja mi fece quello che io avevo fatto a lei un attimo prima: mi tirò su.

Non appena le nostre labbra si incontrarono, entrai in lei. Mi andava incontro, spingeva meravigliosamente. Mi massaggiava la schiena mentre spingevo più forte. Speravo che l'alcol mi avrebbe intorpidito un po', ma i segnali erano chiari. Era così calda, bagnata e brava che rischiavo di sborrare prima di volerlo fare. Dovevo frenare. Volevo fare venire prima lei. Lei capì e cominciò ad accarezzarmi delicatamente la schiena. Allargò le gambe di più e mi abbracciò con esse.

In quel momento capii che non si trattava di due persone ubriache e arrapate che scopavano. Non era solo lussuria, ma, dannazione, tutto quello che avremmo voluto dirci in quel momento quando lavoravamo insieme e che non ci era stato permesso. Mi muovevo solo un po', mi strofinavo di più contro di lei. Lei allungò una gamba e mi strinse il braccio. Poi fece un respiro profondo. E ancora. E ancora.

Andai più a fondo e ora ce la mettevo tutta. Lei annuì e mi strinse il culo. Mi era permesso di sborrare dentro di lei. Non appena mi passò per la testa, lei venne. E poi il calore e la stretta erano troppo da sopportare. Seppellii la testa nel cuscino accanto alla sua, sborrando come mai prima. Volevo che questo momento durasse per sempre.

"Grazie", sussurrai, "mi è appena tornata la fede nei miracoli".

"I miracoli accadono quando meno te lo aspetti. E io ti ringrazio".

Mi girai con cautela e presi il mio bicchiere. Tanja prese la coperta e ci coprì entrambi. Ci sdraiammo l'uno accanto all'altro, sospirando, e in quel momento capii che il regalo di Natale di Tanja era difficile da battere con qualsiasi altra cosa. Amo le feste.

Suggerimenti extra:

Lo sapevi che oltre alle classiche pillole per erezione come il Viagra o il Cialis, puoi scegliere anche tra una serie di alternative come le compresse dissolvibili, i gel o le compresse con sildenafil effervescenti idrosolubili?
 
Nel nostro negozio è possibile trovare tutte queste opzioni, le classiche comprese di sildenafil tadalafil o di vardenafil.
 
Non esitare a scegliere i prodotti delle categorie Viagra Generico (tra i prodotti più ricercati ci sono Kamagra 100mg, Kamagra oral gelly o Cenforce)  o Cialis Generico (ad esempio Vidalista 20, Vidalista 40 o Vidalista 60) della migliore qualità e a ritornare ad essere un uomo come prima. La disfunzione erettile, spesso definita impotenza, non deve più essere un tuo problema!
Anche le disfunzioni sessuali femminili possono essere facilmente risolte, scoprite di più sul Viagra per donne e provate Lovegra!

Potrebbe interessarti anche: Disfunzione erettile Farmaci

Autore: Marina Deluca

Prodotti correlati

Tadarise 40 mg
In magazzino

Insieme al prodotto Tadalis SX, Tadarise 40 mg è uno dei prodotti più venduti a base di tadalafil per il trattamento dei disturbi erettili.

da 22,00 €
Kamagra masticabile 100 mg
In magazzino

Kamagra Chewable 100 mg è un'alternativa alle classiche compresse di sildenafil per il trattamento della disfunzione erettile.

da 21,00 €
Lovegra 100 mg
In magazzino

Lovegra 100 mg è il "Viagra per le donne" creato appositamente per approfondire il tuo piacere sessuale. Contiene il principio attivo sildenafil, che aiuta notevolmente la circolazione sanguigna nei genitali, favorisce la lubrificazione vaginale e aumenta la risposta alla stimolazione sessuale.  

da 20,00 €

Blog

Una masturbazione un po' diversa

20.11.2023

Pensate che ci siano delle cose che non dovete provare perché sapete in anticipo che non vi piacerebbero? E se no...? Non resistete all'ignoto!

L'intero articolo

Un gioiello per due

06.11.2023

Hai dei sogni piccanti anche tu? Leggi cosa si prova quando i propri desideri più piccanti diventano realtà...

L'intero articolo

Disfunzione erettile: Cause

27.07.2021

Spesso ci si chiede: Soffro di disfunzione erettile, come curarla? Esiste una cura definitiva della disfunzione erettile? Si può curare? 

L'intero articolo

Hai bisogno di aiuto?

Contattaci. Siamo pronti a rispondere a qualsiasi domanda riguardante i nostri prodotti.

Invia

Noi e i nostri partner abbiamo bisogno del tuo consenso all'uso dei cookie per analizzare e valutare il traffico sul nostro sito, e per poter personalizzare gli annunci. Fai clic su "OK" per dare il tuo consenso.

Rifiutare facoltativi Impostazioni OK