Avviso: Gli ordini contenenti Kamagra Oral Jelly verranno spediti non prima di mercoledì 1 giugno 2022

18 000
clienti soddisfatti

Il tuo carrello è vuoto

Aggiungi un prodotto.

Se hai bisogno di aiuto, contattaci.

Benvenuto FAQ Blog Contatti Stato dell'ordine
Homepage Blog Trattamento dei postumi da senso di colpa

Trattamento dei postumi da senso di colpa

09.11.2021

Alice stava riflettendo su come, qualche giorno fa, fosse potuto succedere, dopo aver chiuso la porta dietro a Peter. Aveva solo bisogno di un consiglio e non voleva affrontare il problema in pubblico. L'idea che qualcuno al tavolo accanto del caffè ascoltasse e si prendesse gioco di come si era schiantata con la macchina e non aveva saputo in quale officina andare, era folle.

Era la prima volta che le succedeva e l'aveva davvero sconvolta. Peter insisté per discutere dell'incidente con lei davanti a un caffè, invece che al telefono. Così, la invitò a casa sua.

Chi poteva sapere che sarebbe andata a finire così? Dopo tutto, si conoscevano fin dall'infanzia e mai... Non che asciugare le lacrime non fosse bello, sorrise interiormente al ricordo della sveltina a sorpresa sul divano, ma gli amici non vanno a letto insieme. E se lo perdessi ora?, pensò. Doveva assicurarsi di non essersi sbagliata di grosso. Digitò il suo numero.

“Ciao, Alice”, rispose allegramente una voce familiare, “sei ancora preoccupata per la macchina?”.

“Sì, anche per quello,” sospirò, “e per i postumi da senso di colpa”.

“Postumi da senso di colpa? Conosco una medicina molto efficace per questo. Cosa fai oggi intorno alle sette? Che ne dici, ti va di venire da me?”.

“Beh…”.

“Non ha effetti collaterali”, ridacchiò Peter, “non preoccuparti”.

Sembra che vada tutto bene, pensò Alice. Forse mi preoccupo senza motivo.

“Va bene, allora ci vediamo alle sette”.
Cinque minuti dopo le sette, arrivò al suo appartamento. Peter le aprì la porta, indossando una camicia bianca sbottonata, un paio di jeans che gli stavano perfettamente, a piedi nudi, con un sorriso largo e due bicchieri dal contenuto dorato in mano.

“C’è qualcuno con te o stai aspettando qualcuno?”.

“Sto aspettando te, chi altro? E direttamente con la medicina in mano, come puoi vedere. Il primo soccorso non deve essere rimandato”.

Con la mano libera la aiutò a togliersi il cappotto e le passò uno dei bicchieri: “Erbe”, sorrise, “ottime per i postumi. Anche da senso di colpa”.

La prese per mano e la condusse nel soggiorno. Lei rimase sbalordita tra le porte. Le pesanti tende delle finestre erano accuratamente tirate, facendo risaltare la luce calda e tremolante delle fiamme delle candele sul robusto tavolino. Dallo stereo nell’angolo della stanza proveniva una musica rilassante. Lei lo guardò dubbiosa.

“Anche il fuoco è una medicina. Lo sguardo nelle fiamme aiuta a rilassarsi ed elimina lo stress. E oggi stiamo guarendo”. Alzò il bicchiere e fece un tintinnio con il suo: “Cin-cin!”.

Alice bevve un sorso. Il calore scese nella sua gola e la combinazione del profumo speziato e del sapore di miele dipinse un’espressione sorpresa sul suo viso.

“Drambuie”, chiarì. “È un po’ più piccante di un liquore, ma dolce e ben profumato. Come te. Vieni, accomodiamoci e vediamo se riesco a indovinare cosa ti preoccupa. Cioè, se ti preoccupa ancora”.

Alice fece un respiro: “Forse sono stupida, me mi è venuto in mente... Avevo paura che tutto andasse bene tra noi. Mi sembra...”.

“Ti sembra strano,” la interruppe, “che due persone che sono stati amici fin dall’infanzia, abbiano fatto l’amore. È questo che volevi dire?”.

Trattamento dei postumi da senso di colpa

Alice annuì. Lui le sollevò delicatamente il mento con un dito e la guardò negli occhi: “Se avessi avuto paura di perderti, non l’avrei permesso. Anche se siamo - fra virgolette - solo amici e come partner probabilmente ci uccideremmo a vicenda. Allora, sei più tranquilla?”.

Alice era visibilmente sollevata :“Sì, lo sono,” sorrise, “grazie.”

Peter si chinò verso Alice: “Abbiamo una sola vita, e alla fine di essa non ci rimprovereremo tanto per quello che abbiamo fatto, ma per quello che non abbiamo fatto e che volevamo fare". Mise giù il suo bicchiere, accarezzò la guancia di Alice con le dita, fece scorrere il palmo della mano tra i suoi lunghi capelli castani fino alla nuca, la tirò delicatamente a sé e le loro labbra si unirono.

Con le sue abili dita cominciò a sbottonare il suo vestito e in un attimo Alice era senza vestito né reggiseno. Si girò verso il tavolino, con entrambe le braccia divise il mare di luci in due e le spinse di lato. Prima che Alice potesse riprendersi, Peter la sollevò e la mise abilmente tra di loro. Si inginocchiò davanti a lei e le allargò delicatamente le ginocchia.

“Stai sdraiata, non muoverti e non aver paura di niente”, ordinò. Riscaldò le mani sulle candele e le mise sull'interno delle cosce di Alice, appena sopra le ginocchia. Poi, lentamente, centimetro per centimetro, salì con i suoi palmi verso il suo grembo. Si fermò proprio davanti ad esso. Alice alzò la testa e si accorse del sorriso divertito di Peter.

Guardandola negli occhi, le sollevò l'orlo delle mutandine con entrambi i pollici contemporaneamente. Rimase di nuovo immobile per un paio di secondi. Poi si chinò sopra il suo grembo e lo soffiò attraverso le mutandine.

Se proprio devo andare all'inferno, che almeno ne valga la pena, pensò Alice. Si sollevò in modo che Peter le potesse togliere le mutandine. Con un solo gesto le aveva arrotolate alle caviglie e la testa di Peter era di nuovo sul suo grembo. Le sue labbra si attaccarono delicatamente alle sue e cominciò a esplorarle con la punta della lingua, mentre si toglieva i pantaloni e scuoteva attentamente la camicia dalle spalle.

Alice grugnì e gli fece passare le dita tra i capelli. Peter buttò via i pantaloni e iniziò un'intensa esplorazione in profondità.

Alternava i baci con lunghi colpi di lingua, succhiando delicatamente il suo clitoride e lasciandolo andare di nuovo. Lentamente, come quando le onde di un lago bagnano la riva, fece scorrere la lingua sulla protuberanza gonfia, fece scivolare la punta della lingua dentro e di nuovo fuori, accarezzando le sue piccole labbra  con la bocca e tornando al clitoride sempre più gonfio.

Lo succhiava come una pesca succosa. Era arrapata, deliziosamente bagnata. Gli sarebbe piaciuto averla due volte. Una volta per leccarla e una volta per il suo cazzo duro e impaziente. Le ginocchia di Alice tremarono. Indicò che voleva tirare la testa di Peter verso di sé.

Peter capì, afferrò Alice per i fianchi, la tirò a sé e la impalò su di lui in un unico movimento fluido. Avvolse le gambe di lei intorno alla sua vita, si appoggiò al tavolo e si alzò lentamente. Alice si aggrappò a lui e avvolse le braccia intorno al suo collo. Passò cautamente intorno alle candele accese, si diresse verso la parete e appuntò Alice su di essa come una farfalla.

Dopo alcune spinte la sollevò leggermente e la portò impalata in camera da letto. La mise con cura sul letto e continuò con spinte lente e lunghe. Quante volte nel corso degli anni aveva immaginato di fare esattamente questo. Averla sotto di sé, massaggiare e baciare i suoi seni, stringerle i capezzoli e scopare e scopare... Afferrò il braccio di Alice e la spinse delicatamente nel letto. Con sua sorpresa, Alice scoprì che non poteva muoversi di un centimetro senza dolore.

Era completamente piegata alla sua volontà. Questo la eccitò ancora di più. Peter lo sentì. Lasciò la sua mano, scivolò fuori da lei e alzò le sue gambe in modo che avesse le sue caviglie sulle sue spalle. Rapidamente prese un cuscino libero, lo mise sotto il culo di Alice e lo spinse dentro fino in fondo. Alice piegò la testa all’indietro nel cuscino e gemette dolcemente.

Peter afferrò bene i suoi fianchi e cominciò a spingere più forte. Alice quasi perse la coscienza. Lui le tolse le gambe dalle spalle e la fece girare su un fianco. Si inginocchiò a cavalcioni della sua gamba inferiore distesa, sollevò la gamba superiore piegata, spinse fino in fondo, rimase dentro, e iniziò a dondolare leggermente. Alice afferrò le lenzuola e gemette dolcemente.

Si sentiva come se avesse diversi Peter dentro di lei allo stesso tempo. Lui la guardò per assicurarsi che non le facesse male. No. Se la stava godendo. Ancora e ancora. Forza, bella, andiamo in finale. La girò e la sollevò. Afferrò i suoi capelli e iniziò a scoparla da dietro. La cavalcava con forza come una cavalla da corsa. I seni di lei dondolavano allo stesso ritmo delle sue palle sempre più sensibili. Era umida come un torrente di montagna e il suono del loro movimento eccitava da morire a Peter.

Alice affondò le dita nel cuscino e cominciò a respirare a intermittenza. Con le prime contrazioni, le sue braccia cedettero. Peter sibilò. Il suo glande era gonfio fino a scoppiare e le contrazioni orgasmiche di Alice lo distrussero. Con la ultima contrazione Alice sobbalzò rapidamente, si girò sulla schiena e scese giù. Giusto in tempo per poter guardare.

Peter torreggiava su di lei puntando il suo bel cazzo tra i suoi seni. Le prime due esplosioni le avrebbe avute proprio tra di loro, la successiva l’avrebbe presa in bocca. Peter la tirò delicatamente a sé, le tenne la testa e la lasciò inghiottire. Lei ne succhiò l‘ultima goccia, lo baciò sulla punta del glande e sorrise.

“Terza medicina”, gli strizzò l’occhio, “e la migliore di tutte”.

“Per un’amica speciale”, le strizzò l’occhio anche lui, “l’avrò pronta in qualsiasi momento”.
 

Autore: Marina Deluca

Blog

4 tecniche per la perfetta soddisfazione della tua partner

12.10.2021

Sai quali tecniche di rapporto sessuale aiutano le donne a raggiungere l’orgasmo più facilmente? E le conosci tutte?

L'intero articolo

Migliora la tua vita sessuale – prova i giocattoli sessuali per coppie

13.08.2021

Chi pensa che i giocattoli sessuali siano solo per donne e uomini single, si sbaglia di grosso. A suo proprio danno. Sono finiti i tempi quando sotto questo nome si nascondeva solo un dildo o un semplice vibratore.

L'intero articolo

La capa dei miei sogni

22.06.2021

“Ecco qua, per oggi abbiamo finito”. Inviai il report, chiusi il mio portatile e mi diressi verso il bagno.

L'intero articolo

Hai bisogno di aiuto?

Contattaci. Siamo pronti a rispondere a qualsiasi domanda riguardante i nostri prodotti.

Invia

Noi e i nostri partner abbiamo bisogno del tuo consenso all'uso dei cookie per analizzare e valutare il traffico sul nostro sito, e per poter personalizzare gli annunci. Fai clic su "OK" per dare il tuo consenso.

Rifiutare facoltativi Impostazioni OK