Avviso: Non hai ricevuto il tracciamento via mail? Se è già disponibile, lo troverai nel dettaglio dell'ordine.  

18 000
clienti soddisfatti
Sconto 0%

Il tuo carrello è vuoto

Aggiungi un prodotto.

Se hai bisogno di aiuto, contattaci.

Benvenuto FAQ Blog Contatti Stato dell'ordine
Benvenuto Blog Doppio regalo

Doppio regalo

29.01.2024

"Allora, come sei stata quest'anno? È da tanto che non ci vediamo", chiesi alla mia vecchia amica di gioventù davanti a un bicchiere di buon cognac.

Eravamo seduti nel bar dove ci incontravamo anno dopo anno prima di Natale per raccontarci i nostri problemi e le nostre gioie. Avere un'amica come Helen non ha prezzo. Mi ha sempre dato buoni consigli sulle donne. E per quanto io ne sappia, anche i miei consigli nei suoi confronti hanno funzionato. Se non avessi te, dovrei inventarti, diceva sempre. Per me era lo stesso.

"Cavolo, in qualche modo mi sono lasciata prendere dal tema del bilancio. Mi sono resa conto di tutte le cose che non ho realizzato nel sesso e che probabilmente non realizzerò più."

"Cosa ti fa pensare che non le realizzerai?"

"Perché nessun ragazzo con cui sono stata ha mai voluto soddisfarle per me."

La curiosità crebbe in me come un palloncino che si riempie di elio: "E cosa c'è di così folle da non volerlo fare?"

"Forse una cosa a tre."

Mi avvicinai a lei, pensando di aver capito male.

"Sto parlando di una cosa a tre con due uomini, ovviamente." Aggiunse e si mise a ridere.  E io la assecondai, perché pochi uomini avrebbero rifiutato una cosa a tre con due donne. Io sicuramente non avrei detto di no.

"C'è qualcos'altro che non hai realizzato?"

"Hm. Come sai, sono piuttosto dominante. E sono pochi gli uomini che riescono a mettermi in una posizione di sottomissione."

Ma certo che lo so. L'ho desiderata segretamente per anni e ne ho avuto paura. Finché non ho scoperto che sotto la maschera da dominatrice c'era una ragazza che desiderava essere sopraffatta. Ma ho sempre avuto paura di non essere la persona giusta per conquistarla. Feci un cenno al cameriere e ordinai un altro cognac. Lo bevvi così in fretta che Helen sollevò le sopracciglia con disgusto.

"Lo so", dissi non appena ebbi deglutito. Ma probabilmente da sobrio non te l'avrei detto. Sai quante volte ti ho immaginato legata in una camera di tortura ben attrezzata, per farti questo? No, non devi rispondere, accettalo come un fatto."

Le sue pupille si dilatarono per la sorpresa e allo stesso tempo un rossore si insinuò sulle sue guance. Cazzo, ho rovinato tutto...

"Perché non me l'hai mai detto?" Sussultò.

"Indovina. Perché avevo paura che pensassi che fossi un pervertito. E che ti avrei perso."

Ora Helen bevve tutto d'un fiato: "Sei proprio un cretino, non ti è venuto in mente, amore mio, che potrei trovarmi in una situazione simile?"

Ora le mie pupille si dilatarono, tanto per cambiare.

"Allora, quando e dove?", chiesi.

"Lunedì. E scegli tu il posto".

Tre giorni dopo...

Un motel e ristorante discreto, appena fuori città, non dava alcuna indicazione del fatto che il suo scantinato fosse tutt'altro che utilizzato come magazzino. Raccolsi le chiavi, pagai e inviai un messaggio a Helen dicendole di seguirmi al piano di sotto attraverso la porta ferrata quando sarebbe arrivata. Esaminai il terreno.

Una stanza poco illuminata con una panca di legno al centro e, proprio accanto alla panca, catene e manette sospese al soffitto su una carrucola con freno, un bancone da bar con bevande contro una parete, un divano contro l'altra parete e una collezione di fruste sopra. La seconda stanza con una croce di Sant'Andrea, una gabbia e una poltrona con cinghie delle gambe. La terza stanza relax con doccia, vasca idromassaggio e divano. Non sembrava affatto male. Marcus mi aveva dato un buon consiglio. Inoltre, stava venendo qui...

Marcus, come Helen, è un mio buon amico. E anche di lei. Anche lui, come me, la desidera da anni. Ce lo dicemmo. Gli spiegai il mio piano e lui accettò tutto, compreso il fatto che Helen non doveva sapere nulla in anticipo. Anche se alla fine lei si fosse tirata indietro,

Marcus non si sarebbe offeso e se ne sarebbe andato in silenzio senza che Helen sapesse chi era. La sola possibilità di averla, anche se l'avremmo condivisa, lo entusiasmava.

Entrambi ci eravamo preparati accuratamente, sia con la pulizia che con l'abbigliamento. Io avevo scelto un look da motociclista ruvido e avevo optato per la pelle, mentre Marcus si era infilato in una tuta integrale in lattice. Aveva un aspetto impressionante. E con quelle cerniere sul cappuccio e lungo il petto fino all'inguine, faceva anche paura. Se ne andò nella stanza dell'idromassaggio mentre io rimasi sotto le scale per salutare Helen.

Entrò vestita con un semplice abito da cocktail con un'ampia scollatura. Era incredibilmente bella. Soprattutto perché sapevo che indossava sicuramente le giarrettiere. Solo la vista e il pensiero mi fecero stringere i pantaloni fino a scoppiare. Ed Helen non poté fare a meno di notarlo.

"Sembra che tu non veda l'ora almeno quanto me", ridacchiò, "sono solo un po' confusa per il luogo."

"Ci puoi scommettere che non vedo l'ora.  Prenderemo solo un drink. Voglio che entrambi abbiamo il pieno controllo. Vieni."

Mi seguì, un po' perplessa, e rimase senza parole tra le porte mentre io raggiunsi il bancone dove erano già appoggiati due bicchieri del cognac preferito da Helen.

"Alla tua salute, Helen, e al tuo desiderio."

Bevemmo un po' e subito dopo le tolsi il bicchiere di mano e lo posai sul bancone. La tirai vicino a me, le passai il pollice sulle labbra e misi in quel primo bacio tutto quello che avrei voluto dirle nel corso degli anni. Sentivo il suo cuore battere forte. Le sussurrai all'orecchio:

"Ti metterò una maschera sugli occhi e farò con te qualsiasi cosa io voglia. Non appena sentirai che qualcosa è troppo, di' STOP. Rallenterò il ritmo o l'intensità. Se dici STOP una seconda volta, mi fermerò immediatamente. Ci siamo capiti?".

"Sì", respirò lei.

Tirai fuori dalla giacca la maschera e la misi sugli occhi di Helen. Non poteva vedere nulla. Le presi la mano:

"Non preoccuparti. Sono qui per te. Solo per te. E ti terrò sotto controllo per tutto il tempo."

La condussi alla panchina e le ordinai di alzare le mani. Lo scatto delle catene che scendevano dal soffitto era spaventoso. Con delle manette di cuoio morbido, intrappolai i polsi di Helen in modo che non potesse abbassare o unire le mani. La baciai di nuovo sulla bocca e poi sul collo. E lentamente scivolai più in basso.

Le aprii la scollatura incrociata del vestito e le feci uscire i seni dalle coppe. I suoi capezzoli erano eretti e duri. Uno per uno li strinsi tra le dita, li presi in bocca e cominciai a succhiare. Le morsi delicatamente. Il mio cazzo era così duro che mi faceva male. Mi slacciai i pantaloni e lo tirai fuori. Non poteva aspettare, e neanche io. Mi inginocchiai davanti a lei e le tirai su il vestito.

Lei rimase in piedi, con le giarrettiere, proprio come pensavo. Le sue mutandine di pizzo erano già piuttosto bagnate. Respirai con calore proprio dove sospettavo fosse il suo punto più sensibile e poi la leccai sulle mutandine. Lei gemette leggermente.

Tolsi il bellissimo pizzo e iniziai a leccarla. Lentamente e sistematicamente. Le impastavo le chiappe, succhiavo e rilasciavo il clitoride e le ginocchia di Helena cominciarono a cedere. Le ordinai di afferrare le catene a cui era incatenata e di sporgere il culo. Obbedì immediatamente. Le girai intorno e la afferrai da dietro per i fianchi. Era chiaro che era pronta e che potevo entrare, e lo feci. Feci scorrere lentamente il mio glande sulla sua fessura ed Helena cominciò a mugolare. Lo voleva. E lo voleva adesso.

Sapevo che a quel punto Marcus si trovava sulla porta. Mi voltai verso di lui. Il rigonfiamento dei suoi pantaloni era impercettibile. Gli feci cenno di entrare, mi voltai e feci quello che voleva Helen. Glielo infilai dentro fino alla radice e cominciai a spingere. Helen sentì dei passi e sobbalzò per lo spavento.

Mi avvicinai a lei e le sussurrai all'orecchio: "La seconda parte della sorpresa è qui. Sei perfettamente al sicuro. Tu conosci quest'uomo e lui conosce te. È qui per accontentarti e, insieme a me, soddisfare il tuo secondo desiderio. Se non vuoi, dillo. Se ne andrà e nessuno di noi ne parlerà mai più. Se lo vuoi, sappi che ti avremo entrambi. Con l'amore che abbiamo per te e la lussuria che ci brucia da anni. Ci vuoi tutti e due allo stesso tempo?

Helen deglutì e annuì. Marcus si scambiò il posto con me. Aprì la cerniera, si mise il preservativo ed entrò in Helen. Doveva essere molto più grosso di me, perché Helen emise un gemito che non avevo mai sentito prima. Marcus non si mosse. Le diede il tempo di rilassarsi. Le girai intorno e mi inginocchiai sulla panca alta. Le presi la testa e la avvicinai un po' di più a me.

"Adesso hai il mio cazzo proprio davanti a te. E sai cosa devi fare", le ordinai.

Helen aprì obbedientemente la bocca e io le circondai le labbra con il mio glande bagnato. Poi puntai proprio al centro. Helen lo baciò per salutarlo e lo accarezzò con la lingua. Gemetti di soddisfazione per farle capire che era quello che desideravo.

Marcus attenuò la forza delle spinte in modo che Helen potesse gestire meglio la sincronizzazione. Improvvisamente eravamo legati in perfetta armonia. Questa bellissima donna mi stava facendo un pompino magnifico. Succhiava e mi prendeva sempre più profondamente in bocca mentre i suoi seni ondeggiavano al ritmo con cui Marcus la scopava vestito di lattice nero. Che combinazione incredibile. Mi stava eccitando da morire. E anche a lui, secondo la sua espressione e i crescenti gemiti soffocati.

Le accarezzavo i seni, stringendole di tanto in tanto i capezzoli fino a farli dolere. Espirò brevemente e mugolò, ma non fece alcun tentativo di smettere di succhiare, né tantomeno di pronunciare la parola d'ordine. Le stava piacendo. Il mio cazzo cominciò a contrarsi. La presi delicatamente per il mento e cercai di tirarlo fuori. Lei grugnì in segno di protesta: "Mm-mm...". Alzai lo sguardo e feci un cenno a Marcus. Lui capì e accelerò. Gettò la testa all'indietro e capii che stava per venire. Glielo infilava dentro con un vigore incredibile ed

Helen gemeva e cominciava a tremare e a succhiarmi come matta. Esplosi dentro di lei ed Helen deglutì mentre Marcus aveva già smesso di muoversi e poi scivolò con cura fuori da lei. Lei leccò e succhiò il mio cazzo fino all'ultima goccia.
Le accarezzai la guancia:

"Sei fantastica, Helen".

"Grazie. A entrambi", disse con entusiasmo.

Mi chiusi la cerniera, saltai giù dalla panchina, le liberai le manette e le tolsi la maschera. Era sudata e bellissima. C'era qualcosa nei suoi occhi che non avevo mai visto in nessuna donna prima. E mi innamorai di nuovo di lei, come avevo già fatto una volta. Si girò, con gli occhi che mescolavano stupore e fascino. Marcus, ora di nuovo avvolto nella tuta, si tolse il cappuccio ed Helen aprì la bocca per lo stupore. Poi lo abbracciò e si rivolse a me:

"Non mi aspettavo davvero un regalo del genere. Ora mi mancano solo due cose: Bere e rilassarmi".

"C'è una vasca idromassaggio qui accanto", suggerii. E portiamo il drink con noi.

Poco dopo eravamo tutti e tre nella vasca idromassaggio. Helen tra noi due. Soddisfatta come una gatta. E siccome i gatti sono imprevedibili e hanno nove vite, in pochi minuti era chiaro che si sarebbe ripresa molto rapidamente. In un attimo le sue mani erano sott'acqua esattamente nei punti giusti. E il secondo round poteva iniziare...

Suggerimenti extra

Ti è piaciuta questa storia? Sul nostro blog troverai molte altre storie emozionanti che stimoleranno la tua immaginazione. Non avere paura di invitare il tuo partner a leggerle insieme. Lasciar correre la fantasia è la cosa migliore che si possa fare per una perfetta serata a due... o a tre?

Oltre alle storie piccanti, sul nostro blog troverai anche consigli su come e cosa rendere più piccante la tua vita amorosa o i migliori sex toys per le coppie. Inoltre, troverai consigli su come aumentare la libido o molte informazioni sulla disfunzione erettile o sull'eiaculazione precoce e su come affrontare questi problemi.

Nell'assortimento del nostro e-shop erezione in pillole sono disponibili farmaci della categoria Viagra Generico, Cialis Generico, Levitra Generico o anche pillole per l'eiaculazione precoce e Viagra per donne - Lovegra. Per avere maggiori informazioni sul Viagra per donne, cliccare qui.

Novità del nostro assortimento: offriamo anche speciali gel lubrificanti BIOlogici in pratiche bustine monouso con estratto di Aloe Vera Happy Slide Organic e Happy Slide Mature - studiati appositamente per le donne mature.

I farmaci generici più richiesti:

I prodotti Kamagra: 

  • Kamagra 100mg - compresse classiche di sildenafil
  • Kamagra oral gelly - l'alternativa più popolare alle classiche compresse, gel in bustine monouso. Per maggiorni informazioni su questo prodotto leggere l'articolo Kamagra gel.
  • Super Kamagra - (spesso cercato anche come Super Camagra) - una compressa speciale contenente sildenafil e dapoxetina che affronta il problema della disfunzione erettile e dell'eiaculazione precoce allo stesso tempo)

Altri farmaci generici popolari:

Potresti essere interessato anche a: Disfunzione erettile: Farmaci

Autore: Marina Deluca

Prodotti correlati

Tadalis SX 20 mg
In magazzino

Stai cercando un trattamento di qualità ma al tempo stesso conveniente contro i disturbi erettili? Tadalis SX è un sostituto a tutti gli effetti del farmaco Cialis (il cosiddetto Cialis Generico) per il trattamento delle disfunzioni erettili.

da 16,00 €
Cenforce 100 mg
In magazzino

Cenforce 100 mg dell'azienda farmaceutica Centurion Laboratories Prv. Ltd. è un sostituto a tutti gli effetti del Viagra.

da 20,00 €
Happy Slide Organic - Gel lubrificante
In magazzino

Benvenuti nel mondo del comfort e del piacere! Le pratiche bustine monouso di Happy Slide Organic sono più di un semplice gel lubrificante! Sono un passo verso un'esperienza intima più intensa e piacevole in qualsiasi momento e ovunque. Scivola perfettamente e non si attacca!

da 9,00 €

Hai bisogno di aiuto?

Contattaci. Siamo pronti a rispondere a qualsiasi domanda riguardante i nostri prodotti.

Invia

Noi e i nostri partner abbiamo bisogno del tuo consenso all'uso dei cookie per analizzare e valutare il traffico sul nostro sito, e per poter personalizzare gli annunci. Fai clic su "OK" per dare il tuo consenso.

Rifiutare facoltativi Impostazioni OK