18 000
clienti soddisfatti

Il tuo carrello è vuoto

Aggiungi un prodotto.

Se hai bisogno di aiuto, contattaci.

Benvenuto FAQ Blog Contatti Stato dell'ordine
Homepage Blog Doppia azione a distanza

Doppia azione a distanza

19.12.2021

Fuori dalla finestra infuriava un temporale primaverile. Il vento agitava i rami del vecchio castagno, da cui erano spuntati i primi piccoli ventagli di foglie. La pioggia tamburellava sulle finestre come se volesse sfondare i vetri ed entrare in cucina. Annie era al tavolo della cucina, assonnata e a piedi nudi, con una camicia oversize sbottonata e un toast fresco e croccante tra le mani, mentre versava l'acqua calda sul suo tè. Non doveva andare da nessuna parte, aveva il giorno libero.

Tirò fuori il colino e prese il barattolo del miele. Mise l'oro delle api che scorreva pigramente su un cucchiaio, lo immerse nella tazza e guardò il miele dissolversi lentamente. Anche a lei sarebbe piaciuto sciogliersi. Lentamente, poco a poco. Annie tirò fuori un cucchiaio caldo, soffiò leggermente e se lo mise in bocca. Caldo e dolce, un peccato sprecare il calore.

Lasciò che la sua mano e il cucchiaio si dirigessero verso il suo seno sinistro. Attraverso il tessuto fece scorrere il bordo del cucchiaio leggermente sul capezzolo. Reagì alla sensazione insolita e in pochi secondi cercò di bucare la camicia. Sua sorella cominciò lentamente a risvegliarsi nello stesso modo, anche se non sapeva esattamente perché. Annie decise di darle una ragione. Si sbottonò la camicia, coprì il capezzolo con il cucchiaio e premette. Bruciava piacevolmente. Lei tremò. Voleva calore. E lo voleva subito.

Un attimo dopo, stava rovistando nell'arsenale della sua borsa da viaggio nera in camera da letto . Eccolo, bello trasparente, sorrise a se stessa e tirò fuori un dildo di vetro rosa con rilievi. Con un po' di calore puoi darmi piacere, pensò. Lo scaldò con il resto dell'acqua calda del bollitore, lo avvolse in un asciugamano e si diresse verso la camera da letto.
Doppia azione a distanza
Si sistemò bene nel letto e mise il vetro tra i suoi seni. Era piacevolmente caldo. Strinse i seni con i palmi delle mani e li tirò su il più possibile. Aprì la bocca e leccò l'estremità sporgente. Questo era esattamente il modo in cui avrebbe preso Tobias nella sua bocca se avesse potuto essere lì con lei adesso. Solo che non poteva, era a centinaia di chilometri di distanza. Un viaggio d’affari era un viaggio d’affari.

 Il solo pensiero della sua asta calda e pulsante nella sua bocca la eccitava. Se solo avesse potuto essere lì, inginocchiato sopra di lei in modo che potesse avere una vista delle sue palle morbide e sode! Fece scorrere la lingua sulle sporgenze del vetro riscaldato, bagnandole con la sua saliva. Lasciò i suoi seni e prese il dildo in mano.

Lentamente, cominciò a farlo scendere dallo sterno all’addome e lo puntò direttamente sul clitoride. Il calore lo svegliò ancora di più. Annie aprì leggermente le gambe e cominciò a far scorrere leggermente il dildo sulla protuberanza risvegliata, da sinistra a destra e indietro, da un lato all'altro, ancora e ancora, sempre più velocemente. Scivolò più in basso e premette. Ecco.

Cominciò a passare il dildo tra le labbra, su e giù. Dieci, nove... contava alla rovescia nella sua mente. All'"uno" cambiò angolazione e lo guidò lentamente all'interno. Chiuse gli occhi e si lasciò andare alla deriva.
Proprio in quel momento squillò il cellulare. Un messaggio di Tobias.

“Buongiorno, amore, ti saluto dalla camera d‘albergo. Hai dormito bene? Cosa stai facendo?”.

Annie sorrise. Saresti sorpreso, ragazzo. Puntò la telecamera dal suo mento attraverso la valle tra i suoi seni, verso le sue gambe piegate e la mano con il dildo. Click. Condividere. Inserire testo.

“Buongiorno anche a te, mio caro. Cosa sto facendo? Proprio ora mi sto masturbando”. Scegliere il destinatario. Inviare. Annie era riuscita a mettere dentro e tirare fuori il suo amico di vetro solo un paio di volte quando il cellulare suonò di nuovo.

Un messaggio con la foto del cazzo eretto di Tobias. “Verrai per me?”.

“Vuoi una diretta?”, digitò Annie. Subito dopo partì la videochiamata. Sullo schermo apparve una mano che afferrava un bel cazzo e, sopra di essa, il suo proprietario.

“Buongiorno, ragazzi”, Annie scherzò, “azione”. Appoggiò il cellulare contro la testiera del letto e si girò in modo che Tobias avesse una vista diretta tra le sue gambe piegate. Si stuzzicava con il dildo con una mano, massaggiandosi il clitoride con le dita dell'altra. Tobias sospirò  rumorosamente. “Wow, che bello. Dai, vieni, fallo per me”.

Mise il cellulare sul letto, si inginocchiò sopra di esso in modo che Annie vedesse il suo magnifico cazzo e la sua faccia, e iniziò a masturbarsi. Annie non si fece pregare e accelerò. La vista delle palle che dondolavano e della mano in cui appariva e scompariva il glande perfettamente modellato di Tobias, la eccitò ancora di più.

Sentì un desiderio irresistibile di averlo in bocca in quel momento. Amava essere riempita da entrambi i lati. Guardò la telecamera e alzò l'indice. Aspetta un attimo. Mise giù il suo amico di vetro, saltò giù dal letto, frugò nella sua borsa e tirò fuori un dildo realistico con una ventosa. Alzò leggermente la mano e lo attaccò contro la testiera. Piazzò il suo cellulare in modo che Tobias avesse una vista adeguata, si inginocchiò e cominciò a succhiare deliziosamente quel morbido membro di 15 centimetri, andando sempre più in profondità ad ogni spinta.

“Sei una cagna”, gemette Tobias, silenziosamente, “sai quanto ti desidero adesso?”.

“Mmmm”, rispose Annie con la bocca piena. Si girò lentamente, lo guidò dentro e cominciò a penetrarsi. Spostò il cellulare in modo che Tobias vedesse il dettaglio dei suoi seni dondolanti.

“Non sono sicura se ho più voglia di che mi scopi o di succhiartelo, Tobi”, borbottò, “cosa preferisci farmi, amore?”.

“Chiedimi... ancora... Ti afferrerei per le chiappe ed entrerei in te fino in fondo. Un’altra e un’altra volta. Dopo ti girerei di schiena, mi inginocchierei sopra la tua testa affinché tu possa avere una vista migliore e te la leccherei."

Annie immaginò il cazzo di Tobias nella sua bocca. Adorava il 69. “Voglio che mentre mi lecchi mi scopi la bocca, ti voglio succhiare, ti voglio assaggiare, fammi...”. Annie non finì di dirlo. L'orgasmo la travolse come un'inondazione improvvisa. Lei ansimava con la bocca aperta e guardava come Tobias tirava il prepuzio giù e schizzava un carico dopo l'altro con un forte grugnito.

Entrambi caddero esausti sul letto. Annie fu la prima a riprendersi: “Allora, doccia e colazione?”.

“Sì”, Tobias annuì, “entrambi”. “Cosa prendi per colazione oggi?”.

“Toast e tè. Abbiamo finito le salsicce e le uova”.

“Nessuna sorpresa visto che nessuna salsiccia e uova possono passare inosservate a lungo con te”.

Alice rise: “E non passeranno una volta tornati a casa. Buon appetito, amore”.

Tobias riattaccò e si diresse verso la doccia. Un ultimo appuntamento e poi velocemente a casa. Non voleva lasciare che la sua divina Annie aspettasse troppo a lungo per quel sessantanove.

Autore: Marina Deluca

Blog

​Giochi anali passo dopo passo

12.04.2022

Per alcuni, entrare dalla porta posteriore è un tabù, per altri è una disciplina sessuale preferita. Stai pensando di provarla anche tu? Allora questi consigli su come farlo ti potrebbero tornare utili.

L'intero articolo

Trattamento dei postumi da senso di colpa

09.11.2021

“Postumi da senso di colpa? Conosco una medicina molto efficace per questo. Cosa fai oggi intorno alle sette? Che ne dici, ti va di venire da me?”.

“Beh…”.

L'intero articolo

Masturbazione femminile: ecco cosa vale la pena sapere al riguardo

02.07.2021

Come si masturbano le donne e perché dovrebbero masturbarsi? Curiosità sulla masturbazione femminile.

L'intero articolo

Hai bisogno di aiuto?

Contattaci. Siamo pronti a rispondere a qualsiasi domanda riguardante i nostri prodotti.

Invia

Noi e i nostri partner abbiamo bisogno del tuo consenso all'uso dei cookie per analizzare e valutare il traffico sul nostro sito, e per poter personalizzare gli annunci. Fai clic su "OK" per dare il tuo consenso.

Rifiutare facoltativi Impostazioni OK